TCJ

CORONAVIRUS - Avviso

Notizie sulla situazione

 

CREMONA, 4 NOVEMBRE 2020

ULTIMO DPCM DI NOVEMBRE

Il Dpcm Conte entra in vigore venerdì 6 novembre e fino al 3  dicembre e prevede una serie di restrizioni che saranno applicate tenendo anche conto delle ordinanze della Regione, più restrittive in alcuni casi.

ZONA ROSSA - LOMBARDIA

Fino alla scadenza del 3 Dicembre senza altre disposizioni aggiuntive regionali, l'Agenzia sarà chiusa. Tutti i viaggi fino al 31/12/2020 sono annullati.

Il limite è arrivato!!! Attendiamo le indicazioni delle associazioni di categoria nel rispetto di quanto stabilito dalle leggi vigenti e fare chiarezza su come comportarci in merito.

Le soluzioni per ora sono le stesse: Voucher validi 18 mesi dalla data di effettuazione del viaggio con possibilità di cessione a terzi, ripetizione del viaggio, validità del credito per viaggi futuri, o rimborso alla scadenza del voucher).

In questi mesi di piccola ripresa e riapertura abbiamo cercato in ogni modo di poter ricominciare a viaggiare dando priorità all’Italia e alle realtà di prossimità; ora anche questa possibilità è stoppata da questo nuovo DPCM.

Se pur positivi sempre, il nostro futuro naviga in una fitta nebbia dove intravedere la terra ferma per ora è impossibile. La voglia di viaggiare non finirà, abbiate fiducia e siate positivi.

Noi non molleremo......

Un caro abbraccio a tutti.

 

Saremo comunque sempre presenti (anche se non in Agenzia perché chiusa da domani) i nostri numeri sono:

Massimo  3471200466 – Tarci 335344854

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

   

 

Cari amici e clienti,

abbiamo atteso qualche tempo prima di scrivervi, il tempo che a noi tutti è servito per metabolizzare una situazione abnorme che nel giro di qualche mese ha sconvolto le nostre esistenze.
Chi conosce The Crown Jewels, le persone, la famiglia e i collaboratori che vivono per questa Agenzia, gli anni e la nostra storia alle spalle, sa che siamo innanzitutto persone che amano il loro lavoro e persone oneste. Abbiamo basato la nostra attività sul rispetto delle regole, instituite sin dal principio per la nostra tutela e quella della filiera di voi clienti che da sempre siete l’unica nostra forza per continuare a svolgere il nostro lavoro.

Per affrontare le emergenze operative e far rientrare in sicurezza i nostri passeggeri non ci siamo mai fermati.
Certo, come tutti, abbiamo dovuto seguire le regole imposte dal lockdown, (l'Agenzia è chiusa come tutte le altre attività dal 10 Marzo) tuttavia abbiamo proseguito la nostra operatività garantendo la gestione in regime di smart working. Il nostro obiettivo per i prossimi mesi è quello di poter permettere ai nostri clienti di “Ritornare a Viaggiare”, ma solo se sarà possibile farlo in sicurezza; come sappiamo le incognite sono ancora molte, ma possiamo garantirvi che stiamo seguendo attentamente tutti i processi, sia all’interno del nostro paese, sia nell’ambito dei paesi con destinazioni da noi programmate e ci atterremo scrupolosamente alle disposizioni emanate dalle autorità competenti.

Ad oggi tutti i nostri viaggi di gruppo in partenza fino al 31 Maggio sono annullati, in Italia, Europa e Mondo. 

Non perderete il vostro credito dell’acconto o del saldo versato, Appena riapriremo l'Ufficio, tutti gli operatori con cui abbiamo organizzato viaggi per voi, sia individuali che di gruppo, ci forniranno i moduli per emettere i voucher dell'importo da voi versato. Questo voucher sarà valido per un anno ma anche più se il viaggio perso e da riprogrammare avvenga oltre la data prevista. Il voucher sarà emesso da noi per conto di ogni operatore coinvolto.

E se qualcosa non andasse come previsto?
The Crown Jewels e gli operatori coinvolti si rendono disponibili alla valutazione della cessione del credito ad un familiare o ad un amico, qualora
il beneficiario sia impossibilitato alla fruizione per un comprovato motivo (salvo problematiche oggettive legate alla titolarità del servizio da trasferire).  

Il 18 Maggio ci verrà data la possibilità di riaprire l'agenzia, e dobbiamo farci trovare preparati in regola le nuove direttive.

Anche noi abbiamo abbracciato l’iniziativa di Astoi, Gattinoni (nostro network) e altri membri, con il Manifesto per il Turismo Italiano. Confidiamo che il nostro grido di allarme arrivi forte e chiaro al Governo italiano e ci auguriamo che gli sforzi comuni possano portare un po' di ossigeno al nostro comparto.  

Nel ringraziarvi per la consueta collaborazione, vi auguriamo e ci auguriamo di ricominciare questa nostra attività il più presto possibile, che ci permette di far conoscere il mondo, trasmettere emozioni e ampliare orizzonti. 

Vi aspettiamo, a presto, e...un grande abbraccio a tutti

The Crown Jewels

Massimo, Tarcisio, Anna e Sara

_________________________________

Di seguito il testo del Decreto legge "Cura Italia" per l'adozione dei voucher articoli 88 e 88bis

  Assoviaggi: Voucher Turismo, art. 88-bis del dl Cura Italia 

Con la conversione in legge del d.l. Cura Italia, l’art. 88-bis pone fine ai potenziali contenziosi sul tema dei voucher turistici.   Si ringrazia il Mibact per la fattiva e piena collaborazione

Le modifiche richieste dalle Associazioni sul tema del voucher turistico sono state recepite nel nuovo articolo 88-bis, in sede di conversione in legge del d.l. n. 18/2020 Cura Italia. Si tratta di un risultato importante, raggiunto grazie al fattivo dialogo instaurato tra Associazioni e MIBACT, che ha condotto al recepimento di alcuni passaggi fondamentali per il comparto del turismo organizzato. In virtù della piena collaborazione avviata  con il Ministero, si potrà ora procedere ad una interpretazione chiara ed inequivocabile riguardo la gestione dei rimborsi effettuati tramite voucher.

Con l’articolo 28  del d.l. 2 marzo, n.9  è stato introdotto l’importante strumento dei  voucher per i rimborsi da annullamenti dovuti all’emergenza sanitaria Covid19.

Tale articolo, seppur chiaro nella finalità di voler proteggere la liquidità delle imprese e di contenere l’importante impatto economico che, a fronte di un azzeramento delle vendite, i rimborsi cash avrebbero prodotto sul comparto, aveva lasciato spazio a contestazioni da parte di associazioni dei consumatori e legali, a causa della mancata esplicitazione di alcuni concetti fondamentali.

Con la conversione in legge del DL Cura Italia, nel quale è confluito il nuovo articolo 88 bis “Rimborso di titoli di viaggio, di soggiorno e di pacchetti turistici” , viene quindi  finalmente fugato ogni dubbio applicativo. L’importante lavoro di sinergia tra ASTOI, Aidit, Assoviaggi, FTO e il MIBACT, ha infatti condotto il legislatore ad apportare alcuni determinanti miglioramenti al testo.

Si riportano in sintesi, i contenuti  salienti dell’articolo 88-bis:

a) l’emissione dei voucher assolve i correlativi obblighi di rimborso e non richiede alcuna forma di accettazione da parte del destinatario. (comma 12). In un precedente comunicato stampa congiunto, ASTOI, Aidit, Assoviaggi, FTO avevano già preso posizione contro le inesatte e fuorvianti interpretazioni mediante le quali si sosteneva la necessità dell’accettazione del voucher da parte del cliente. Tale esplicitazione pone fine alla nascita di ogni possibile contenzioso al riguardo.

b) allungamento del timing per l’emissione dei voucher a 60 gg: nell’articolo si prevede  che gli organizzatori emettano il voucher non appena ricevuti i rimborsi (o i voucher) dai singoli fornitori di servizi e, comunque, non oltre sessanta giorni dalla data prevista di inizio del viaggio. Tale previsione è di particolare importanza perché detta una linea temporale massima anche per i vettori, oltre la quale gli stessi incorrerebbero in rischi di contenzioso. Infatti, in base all’art. 88bis, i vettori debbono procedere al rimborso o emettere voucher entro 30 giorni dalla richiesta e ciò proprio per consentire agli organizzatori di procedere a loro volta all’emissione dei voucher entro 60 giorni.

c) anche l’organizzatore può esercitare il recesso (comma 7) per motivi legati all’emergenza da Covid19. In questo modo vengono risolte le contestazioni giunte in questo periodo da parte di viaggiatori, loro legali ed associazioni, in cui si opponeva che la possibilità di emissione del voucher fosse  prevista solo in caso di recesso esercitato dal viaggiatore.