TCJ

MYANMAR: Incanto Birmano

Il Myanmar, che tutti in Occidente chiamano ancora Birmania, è un Paese caratterizzato da un'avvolgente situazione ambientale, siti archeologici ed atmosfera. E’ meta di viaggiatori che apprezzano un’esperienza in cui il folclore e le manifestazioni religiose sono più ovattate che nell’eclatante India. La “Birmanità” è il motivo per cui si visita questo Paese. E’ quella specie di gonna indossata da uomini e donne, il “longyi”, che non è stato sostituito dai jeans. E’ il culto dei “nat”, guardiani di derivazione animistica che offrono protezione, tra i quali quello che vigila sulla casa rappresentato da una noce di cocco appesa al tetto, cui ogni giorno si rivolgono ed offrono doni. E’ l’imperdibile processione mattutina dei monaci che con la ciotola in mano attendono le offerte dei fedeli. E’ gli orti galleggianti, le palafitte, le canoe-negozio e il particolarissimo modo di remare con i piedi per sospingere le imbarcazioni sul Lago Inle. E’ il luccichio sfarzoso dei pinnacoli che sormontano le pagode. E’ il fasto delle costruzioni religiose. E’ il “cheroot”, il grosso sigaro che pende dalla bocca d'alcune anziane donne. E’ l’immensa Piana di Bagan, dove il fervore religioso, eccessiva e godibile follia umana, trova la sua rappresentazione fisica nelle migliaia di costruzioni che punteggiano l’enorme pianura. E’ il volto delle donne incipriato di “thanaka”, polvere di legno della foresta. E’ anche la fine lacca, graziosi parasole, arazzi, legno intagliato, marionette, particolari strumenti per praticare tatuaggi, pietre dure e preziose come giada imperiale e rubini “sangue di piccione” e il raro e costosissimo tessuto di “bava di loto”.

Voli Thai da Milano Malpensa 

dal 29 Febbraio al 10 Marzo 2020

Chiedi il programma a: info@thecrownjewels.it